TeleVideoAgrigento, la televisione di Agrigento e della Valle dei templi.
Collegamenti veloci:
salta al contenuto |
salta al menù |
1 Home Page |
2 Mappa del sito |
3 Aiuto
 Tele Video Agrigento
televideo Agrigento

 Akragas punto com
www.akragas.com

Il nuovo sito internet di TeleVideo Agrigento è
www.televideoagrigento.tv
A rischio il posto di lavoro di 6 precari addetti alla custodia e pulizia dei bagni pubblici. Appello dei sindacati al comune di Agrigento per evitare i licenziamenti.
Notiziario di Giovedì 17 Agosto 2006

Precari e a rischio licenziamento. E’ questa la condizione in cui si trovano sei lavoratori addetti alla pulizia e custodia dei bagni pubblici di Agrigento. Se il loro contratto non verrà rinnovato dal Comune, dal primo settembre prossimo perderanno il posto di lavoro, peraltro già precari. L’appalto del servizio, scaduto lo scorso 31 luglio, è stato rinnovato solo per il mese di agosto, con una riduzione dell’orario di lavoro. Sulla vicenda intervengono oggi i sindacalisti della Cgil, Castronovo e della Cisl, Saia, i quali invitano il comune di Agrigento, ed in particolare il sindaco Piazza e l’assessore Infurna, a reperire i fondi nel bilancio per assicurare, scrivono, a sei padri di famiglia la continuità del posto di lavoro. In mancanza di risposte adeguate, concludono i sindacalisti, saranno organizzate manifestazioni ad oltranza dinanzi al Comune.
 
Notiziario testuale
del mese di Agosto 2006

 
Telegiornale Video
del mese di Agosto 2006
  • Dom
  • Lun
  • Mar
  • Mer
  • Gio
  • Ven
  • Sab
  • 30
  • 31
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 1
  • 2

 

Cerca con Google
 Google


 

Tempo di esecuzione della pagina: 0.0796 secondi
webmaster: Salvatore PECORARO (ateicos@ateicos.com)
© 2005 Grafica e Layout sono proprietà della Pipeline Studios. I contenuti sono proprietà di Tele Video Agrigento
La copia non autorizzata verrà perseguita secondo le leggi vigenti sul diritto della proprietà intellettuale.