TeleVideoAgrigento, la televisione di Agrigento e della Valle dei templi.
Collegamenti veloci:
salta al contenuto |
salta al menù |
1 Home Page |
2 Mappa del sito |
3 Aiuto
 Tele Video Agrigento
televideo Agrigento

 Akragas punto com
www.akragas.com

Il nuovo sito internet di TeleVideo Agrigento è
www.televideoagrigento.tv

Garda i video aggiornati su YouTube

Segui TVA su Facebook

Altre due croci lungo la statale 640. L'ennesima tragedia ripropone il problema del raddoppio della strada. Martedì vertice a Roma per sbloccare il progetto.
Notiziario di Sabato 3 Giugno 2006

In primo piano la cronaca. Ieri è stata una strage sulle strade siciliane: 9 morti in diversi incidenti. L'incidente più grave si è verificato sulla bretella Agrigento-Caltanissetta che porta nell'autostrada Palermo-Catania, dove sono morte due persone, entrambe carbonizzate, e altre tre sono rimaste ferite. Le vittime sono Dina Maria Carmela Di Naro, 42 anni di Canicattì e Stefania Sabella, 32 anni di Naro. La donna di Canicattì viaggiava su una Renault Twingo assieme al marito e al figlio di 2 anni, ricoverati in gravi condizioni nell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Stefania Sabella, invece, viaggiava su una Ford Fiesta condotta dal fidanzato, rimasto anch'egli ferito e trasportato d'urgenza nell'ospedale Umberto I di Enna. Il tratto di strada dove è avvenuta la tragedia è lo stesso teatro nel dicembre scorso di un altro incidente con 5 morti. L'ennesima tragedia ripropone la questione relativa al raddoppio della statale. Vediamo.
Altre due croci sulla strada statale 640, Agrigento-Caltanissetta, tristemente nota come la strada della morte. Ma sulle strade siciliane, quello di ieri è stato davvero un venerdì nero. Sono bastate alcune ore di pioggia per trasformare le arterie in una sorta di pista ghiacciata. Sulla Agrigento-Caltanissetta, uno degli incidenti più gravi. Due donne hanno perso la vita, altre tre persone, tra cui un bambino, sono rimasti gravemente feriti. Due le autovetture coinvolte, una Fiesta con a bordo una coppia di fidanzati naresi e una Twingo, con a bordo una coppia con il loro piccoletto. Subito dopo l'impatto la Twingo ha preso fuoco e per Dina Di Naro, 42 anni di Canicattì, non c'è stato nulla da fare. Stefania Sabella, 32 anni, di Naro è deceduta a causa delle ferite riportate. Il nuovo incidente stradale sulla 640, ripropone nuovamente la necessità di migliorare l'arteria con il raddoppio. Martedì prossimo a Roma ci sarà un importantissimo vertice al quale parteciperà anche il capo dell'Anas Sicilia, che servirà per fare uno screening delle opere pubbliche inserite nella legge obiettivo e i fondi disponibili. Una circostanza che alla Provincia è vista con molta diffidenza, rischiano di andare in fumo otto anni di lavoro. Il nuovo governo Prodi ha accusato i suoi predecessori di avere progettato le grandi opere senza i fondi necessari. Da qui la preoccupazione che possano mancare anche i 230 milioni di euro necessari per avviare i lavori. Ricordiamo che la Regione ha già stanziato 365 milioni di euro. Il presidente della Provincia Enzo Fontana, è preoccupato ma al contempo è confortato dalla presenza di Angelo Capodicasa che è viceministro alle Infrastrutture. La sua presenza ci conforta, dice Fontana, perché non consentirà a nessuno di penalizzare la nostra provincia. Il raddoppio delle Ss 640 è un tema che non ha colore politico.
 
Notiziario testuale
del mese di Giugno 2006

 
Telegiornale Video
del mese di Giugno 2006
  • Dom
  • Lun
  • Mar
  • Mer
  • Gio
  • Ven
  • Sab
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 1

 

Cerca con Google
 Google


 

Tempo di esecuzione della pagina: 0.0355 secondi
webmaster: Salvatore PECORARO
© 2005 Grafica e Layout sono proprietà della Pipeline Studios. I contenuti sono proprietà di Tele Video Agrigento
La copia non autorizzata verrà perseguita secondo le leggi vigenti sul diritto della proprietà intellettuale.