TeleVideoAgrigento, la televisione di Agrigento e della Valle dei templi.
Collegamenti veloci:
salta al contenuto |
salta al menù |
1 Home Page |
2 Mappa del sito |
3 Aiuto
 Tele Video Agrigento
televideo Agrigento

 Akragas punto com
www.akragas.com

Il nuovo sito internet di TeleVideo Agrigento è
www.televideoagrigento.tv
Palermo. Chiusa inchiesta su G. Di Matteo.
Notiziario di Mercoledì 19 Febbraio 2003

La procura della repubblica di Palermo ha chiuso l'ultima parte dell'inchiesta sul sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino Di Matteo, strangolato e poi sciolto nell'acido, nel 1996, su ordine di Giovanni Brusca. Questa ultima inchiesta coinvolge, fra gli altri, i fratelli Giuseppe e Filippo Graviano ed il boss Benedetto Capizzi. Sono accusati di avere favorito il sequestro e poi l'uccisione del piccolo, che all'epoca aveva 15 anni. I mafiosi, con in testa Brusca, ne organizzarono il rapimento per costringere Santino di Matteo a ritrattare tutte le accuse che aveva fatto durante il suo pentimento. Dalle indagini è emerso che il piccolo Giuseppe è stato tenuto prigioniero anche in provincia di Agrigento, in un casolare vicino Cammarata. Nel primo processo che si e' svolto, sono stati condannati numerosi capi mafia, fra i quali Giovanni Brusca, a 30 anni di carcere, pene che sono diventate definitive da pochi mesi.
 
Notiziario testuale
del mese di Febbraio 2003

 
Telegiornale Video
del mese di Febbraio 2003
  • Dom
  • Lun
  • Mar
  • Mer
  • Gio
  • Ven
  • Sab
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

 

Cerca con Google
 Google


 

Tempo di esecuzione della pagina: 0.0658 secondi
webmaster: Salvatore PECORARO (ateicos@ateicos.com)
© 2005 Grafica e Layout sono proprietà della Pipeline Studios. I contenuti sono proprietà di Tele Video Agrigento
La copia non autorizzata verrà perseguita secondo le leggi vigenti sul diritto della proprietà intellettuale.